Come affrontare l’ansia sociale ad una festa – 5 suggerimenti

Le feste sono tra le situazioni più spaventose per chi soffre di ansia sociale. Un sacco di persone, chiacchiere, mille opportunità per fare una cattiva impressione, così tante persone… Sembra impossibile capire come affrontare l’ansia sociale in queste occasioni.

I pensieri che ronzano nella nostra testa sono sempre gli stessi: “non piaccio a nessuno”, “balbetterò e inciamperò nelle mie parole”, “tutti mi giudicheranno”.

Quando soffriamo d’ansia, andare a una festa non significa solo divertirsi con gli amici, ma soprattutto affrontare il disagio, sperando di non avere un attacco di panico o un crollo emotivo.

Innumerevoli cose che potrebbero andare male ci vengono in mente: Siamo perfettamente consapevoli che sono cose stupide, ma non possiamo fare a meno di preoccuparcene.

5 consigli per affrontare l’ansia sociale ad una festa

1) Ricerca.

Una strategia utile nel caso in cui si debba partecipare ad una festa è quella di condurre una ricerca approfondita sul luogo: è possibile utilizzare Facebook o Google, in modo da avere un’idea dell’atmosfera, del dress code, dei prezzi e di altre cose utili. Familiarizzare con l’ambiente vi darà un maggiore senso di sicurezza.

2) Argomenti di conversazione.

Se le chiacchiere vi fanno sentire a disagio, potete preparare argomenti di conversazione con cui vi sentite a vostro agio. Arrivate con un elenco mentale di aneddoti che potete raccontare o cose di cui potete parlare, selezionate argomenti generici che potrebbero essere un buon inizio di conversazione: “Dove andrai in vacanza?” “Come sta andando il lavoro?” “Come sta la tua famiglia?”.

Scrivete più frasi possibili, in modo da evitare tempi morti e quel silenzio imbarazzante e spaventoso.

3) Portate un amico loquace.

Portate qualcuno estroverso con voi, così non sentirete la pressione di essere quelli che devono guidare la conversazione.

4) Distrazioni.

Portate il vostro libro preferito e assicuratevi che il telefono sia completamente carico, in modo da potervi distrarre nel caso in cui ne sentiate il bisogno, garantendovi un momento di sollievo.

5) Strumenti di coping.

Utilizzate tutti gli strumenti di coping che conoscete: praticate esercizi di respirazione, uscite e prendete un po’ di aria fresca o andate in bagno per un momento, prendendovi una pausa.

“Stai andando alla grande”. Ripetetelo a voi stessi, perché è vero!

Questi sono i meccanismi di coping che funzionano bene per i miei clienti.

Se sentite di aver bisogno di ulteriore aiuto, non esitate a mettervi in contatto per una chiamata di conoscenza gratuita.